Lean Production e Industry 4.0: la combinazione vincente per un’azienda competitiva - articolo di Andrea Staiano

19.03.2018

Cosa significa Muda? Alcuni di voi ne avranno sentito parlare, per altri è una parola nuova e sconosciuta. Muda è un termine giapponese e significa spreco, ovvero qualsiasi attività che in un processo non dà valore aggiunto al prodotto finale. A tal proposito la Lean Production, o Produzione Snella, raggruppa metodologie volte all’eliminazione degli sprechi e al miglioramento continuo. Fu implementata per la prima volta negli anni cinquanta da Tahicii Ohno presso la Toyota Motor Corporation. Da allora, il Toyota Production System (TPS) è spesso menzionato come termine di paragone per valutare aziende occidentali, e si basa sull’ottenimento del massimo risultato con il minimo sforzo. I principi fondamentali della Lean Production sono solo cinque:

  1. Identificazione del valore di un prodotto finito o servizio che il cliente finale è disposto a pagare.
  2. Mappatura della creazione di valore all’interno dei processi di un’organizzazione e all’identificazione degli sprechi.
  3. Creazione del flusso di valore senza interruzioni, prediligendo la produzione di piccoli lotti.
  4. Rottura dagli schemi della logica di produzione tradizionale push, ovvero grandi lotti e lunghe attese, procedendo all’implementazione del modello pull, producendo solo quanto e quando richiesto dal mercato (just-in-time).
  5. Sostentamento del cambiamento attraverso il miglioramento continuo e la ricerca della perfezione.

La “produzione snella” va oltre la semplice implementazione di tecniche di gestione aziendale innovative e procedure standardizzate: è una filosofia di gestione delle infrastrutture e delle risorse umane volta a ottenere qualità dei prodotti e di lavoro elevati, costi contenuti e tempi di consegna i più brevi possibili, attraverso un cambiamento culturale a tutti i livelli dell’azienda. Il cambiamento è ottenuto ispirandosi alla strategia comportamentale “Kaizen”: un processo bottom-up di crescita continuo e graduale della persona e dell’organizzazione alimentato dalla ricerca della perfezione.

Oggi stiamo affrontando un nuovo paradigma: sempre più spesso, e in diversi contesti, sentiamo parlare di Industry 4.0. La quarta rivoluzione industriale ha lo scopo di ottimizzare la value chain attraverso l’implementazione di una produzione dinamica e autogestita dalle macchine. L’Industry 4.0 è incentrata sulla raccolta e l’analisi dei Big Data, sfruttando le elevate potenze di calcolo disponibili al giorno d’oggi e la connettività veloce; l’interazione uomo-macchina, creando tecnologie sempre più facili e intuitive da usare; il rapporto tra prototipazione dei prodotti e la loro produzione, che comprende ad esempio la manifattura additiva e la stampa 3D. Sorge spontaneo chiedersi: è possibile associare Lean Production e Industry 4.0 o sono approcci alternativi? Le tecnologie proposte dall’Industry 4.0 permettono la comunicazione tra macchinari, reparti produttivi, uffici e logistica, con lo scopo finale di ottenere una fabbrica intelligente, efficiente e flessibile. Il piano nazionale Industria 4.0 punta ad incoraggiare le piccole e medie imprese all’innovazione per incrementarne la produttività e ristabilire il prestigio manifatturiero italiano su scala globale. Pertanto l’automazione intelligente può essere un grande acceleratore della metodologia Lean, la quale però deve essere compresa, implementata e assorbita prima di intraprendere un percorso di ammodernamento degli impianti produttivi, altrimenti si rischia di automatizzare gli sprechi. Per tale motivo, il primo passo da compiere, per sfruttare pienamente le potenzialità che la tecnologia di oggi ci fornisce, è la lotta ai Muda, agli sprechi, per evitare che questi vengano amplificati.

La filosofia Lean si fonda sul cambiamento radicale della cultura aziendale e si focalizza sulla lotta agli sprechi e sull’investimento nel potenziale umano per il successo del miglioramento continuo. L’Industry 4.0 sta dimostrando i benefici che le aziende possono trarre dall’innovazione tecnologica. Tuttavia, la vera innovazione è fatta dalle persone: attraverso il Kaizen, la Lean Production apre la mente ad una visione non tradizionale dei processi produttivi volta all’eccellenza, creando un terreno fertile per l’implementazione di nuove tecnologie che ne accelerano gli effetti. L’Industry 4.0 senza l’ottica “Lean” rischia di risultare automazione avanzata che digitalizza le inefficienze; analogamente la Lean Production, senza il corretto approccio alle tecnologie 4.0, rischia di non manifestare completamente i propri benefici, soprattutto in contesti organizzativi complessi.


ULTIME NEWS

Sei Consulting fornitore accreditato di servizi di consulenza e formazione 4.0

02.08.2018

E' giunta oggi la comunicazione che SEI Consulting è stata accreditata da innexHUB come soggetto...

leggi tutto...

Sfida 4.0 e Sei Consulting entrano nel network EY

03.07.2018

Brescia, 03/07/2018 – È stata formalizzata, e già attiva sul mercato, l’integrazione in EY di Sei Consulting e Sfida 4.0,...

leggi tutto...

Il monitoraggio della finanza nelle piccole e medie imprese

25.06.2018

Perché l’Utile non fa il Guadagno Tempo fa, rileggendo i miei vecchi...

leggi tutto...


PROSSIMI EVENTI

23
GEN

Walking tour della Digital Factory

Sfida 4.0 è la Digital Factory di Sei Consulting, società di consulenza manageriale e strategica da luglio entrata...

vai all'evento...

22
GEN

Dalla Strategia al Controllo | Edizione Verona

Dalla Strategia al Controllo è un ciclo di workshop organizzato da SEI Consulting, società...

vai all'evento...


CON IL PATROCINIO DI